DISTAMPA - Agenzia Giornalistica Nazionale Quotidiana
  NOTIZIE     
 
RUBRICHE

MACHINA
di Giacomo Carioti


FATEMELO DIRE
di Maurizio Liverani


VISTI DI PUNTA
di Federico Bernardini


OPINIONE PUBBLICA
di Berto De Grossi


RIMBALZO ANOMALO
di Mino Romano


GALLERIA COLONNA
 


PETI' PETO'
 


IL PIRAMIDONE
 


IRONIA DELLE SARTE
 


CORNICE APERTA
 


KIKI
 


 
 
FATEMELO DIRE di Maurizio Liverani



LE PROFEZIE DI MANCINO

Consultare di tanto in tanto Franz Kafka ci esime da dare importanza a tante cose, ma, soprattutto, al giornalismo. L'indimenticabile scrittore annota: “Il giornale presenta gli avvenimenti del mondo pietra accanto a pietra, lordura su lordura... che senso ha vedere la storia come un cumulo di avvenimenti... ciò che conta è il senso degli avvenimenti... e questo non lo si trova sui giornali, ma soltanto nella fede e nell'oggettivare ciò che sembra fortuito...”. In questo momento nella nostra politica c'è chi assapora il piacere, che non arriveremo a chiamare sadico, ma cattivello, della caduta del dalemismo. Questo piacere ci è stato offerto per la prima volta dal presidente del Senato, negli anni '90, Nicola Mancino con un suo intervento. Discorso scritto, non improvvisato, vale a dire meditato con cura nella sostanza. Nelle cartelle, Mancino vergò una frase che dette la stura a un accordo tra due fazioni politiche. Un passaggio illuminante, che si riferiva all'allora presidente del Consiglio che si comportava come un asso piglia tutto. I giornali riportarono poi la frase: “Un partito che non arriva al diciassette per cento non può pretendere di occupare tutto”. Da quel momento la più feroce definizione anti - Mancino fu questa: “crede appassionatamente alle idee che non ha”. Però con quel discorso aspro, lucido e chiaro non si capì come, sin da allora, non sia diventato un gloria ufficiale. I postcomunisti non gli hanno mai perdonato la spregiudicatezza con la quale smascherò, in una sede importante, il loro gioco: “D'Alema porta avanti una politica liberista e troppo comodamente spiegata come conseguenza dell'adesione alle regole del mercato”. Poco dopo Nanni Moretti invitò, scherzosamente, D'Alema a dire qualcosa di sinistra per dimostrare politicamente di non essere un “caposcarico”. D'Alema non disse nulla né di destra né di sinistra; continuò soltanto una politica di copertura dei grossi capitalisti. Mancino non si nascose dietro il linguaggio consueto dei democristiani; disse le cose come stavano, come tutti potevano vedere, anche se i “grandi” commentatori della “grande stampa” non ebbero il coraggio guardarle. L'allora presidente del Senato affermò che i diesse cercavano soltanto onori e prebende, e mai si sarebbero sognati di mutare il loro ipocrita apostolato di sinistra che nasconde una sostanziale “scelta conservatrice”. Mancino si inimicò tutti i partiti di sinistra. In sostanza, faceva intendere che i postcomunisti da utili furbi si impossessavano di Tangentopoli. Dobbiamo affermare che da tempo il regime dei professionisti della politica formano un totalitarismo perfezionato che ricorre a tutti i mezzi di costrizione suscitando, programmaticamente, il conformismo. I professionisti della politica, allora definita diessina, non hanno mai avuto niente in comune con gli altri tecnocrati. La loro meta è stata, ed è, quella di conservare il potere. Mancino ebbe il merito di non tacere; attese il momento opportuno. Geniale fu anche nelle previsioni del futuro: capì quello che sta accadendo oggi; ha tracciato con mano sicura la linea ascendente del nuovo cattocomunismo. Poteva essere una guida ideale di un partito alla ricerca della propria identità; invece, da quel giorno è cominciato il suo oscuramento.

Maurizio Liverani

 
ORARIO

Administrator
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:



 
 © AspNuke 
Contattami
Tutto il materiale è di proprietà degli aventi diritto. Vietata la riproduzione e pubblicazione senza permesso.
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,03125secondi.
Versione stampabile Versione stampabile