DISTAMPA - Agenzia Giornalistica Nazionale Quotidiana
  NOTIZIE     
 
RUBRICHE

MACHINA
di Giacomo Carioti


FATEMELO DIRE
di Maurizio Liverani


VISTI DI PUNTA
di Federico Bernardini


OPINIONE PUBBLICA
di Berto De Grossi


RIMBALZO ANOMALO
di Mino Romano


GALLERIA COLONNA
 


PETI' PETO'
 


IL PIRAMIDONE
 


IRONIA DELLE SARTE
 


CORNICE APERTA
 


KIKI
 


 
 
IL MISANTROPO A SAN PAOLO



Da giovedì 16 novembre fino a domenica 26 novembre al Teatro San Paolo di Roma è in scena “Il Misantropo”. Dopo il successo dello scorso anno torna la commedia di Molière diretta da Marco Belocchi. Il testo interpretato dallo stesso regista anche quest'anno vede in scena Eleonora Pariante, Giustino De Filippis, Giuseppe Alagna, Maurizio Castè, Vittorio Ciardo, Valentina Maselli, Teresa Marra.

Lo spettacolo teatrale, tratto da uno dei grandi capolavori di Molière, è andato in scena per la prima volta nel 1666. Il protagonista della commedia è Alceste, uomo inflessibile, ostile alle ipocrisie che la vita nella società impone. Nonostante la sua etica, egli è innamorato di Céliméne, una bella ragazza civetta, che proprio per questo risulta un personaggio ridicolo. Come contraltare c’è il suo amico e uomo di mondo Filinte. Molto più accomodante, accetta le regole imposte dalla società. L’intransigenza del protagonista lo porta ad isolarsi da un mondo che non accetta, e a rinunciare all’amore di Celimene. La donna, non è disposta a vivere da eremita. Una commedia amara in cui il lieto fine è assegnato solo all’amico Filinte che riesce a sposarsi e vivere l’esistenza all’insegna della convivenza civile.
Il testo di Molière risulta modernissimo, è il tentativo di fuga da un mondo che si vorrebbe giusto e leale, ma che non lo è. La scelta di Alceste è difficile, ma ci mette di fronte ad un bivio, isolarsi o scendere a compromessi con la società che ci circonda. È uno dei grandi dilemmi che ancora oggi ci poniamo.
La messa in scena, ambienta l’opera dello scrittore francese, agli inizi del novecento, per rendere ancora più attuale il testo. Qui Bellocchi, non vuole protendere per l’una o l’altra scelta. Il suo intento è quello di sottolineare l’aspetto comico e ridicolo del protagonista a causa della sua intransigenza. Nello stesso tempo si attua una critica alla superficialità del mondo che lo circonda con le sue ingiustizie, presunzioni e tradimenti. Il regista lascia al pubblico la scelta di decidere da quale parte schierarsi.
---------------------
TEATRO SAN PAOLO
via Ostiense 190
dal 16 al 26 novembre
Il Misantropo
di Molière
diretto da Marco Belocchi
con Eleonora Pariante, Giustino De Filippis, Giuseppe Alagna, Maurizio Castè, Vittorio Ciardo, Valentina Maselli, Teresa Marra
aiuto regia Vittorio Ciardo
Scene e Luci Manuela Barbato
Costumi Maria Letizia Avato
Foto di scena By Sambiago
Assistente alla regia Anna Pizzato
Assistente Scenografa Francesca Forcella

 
ORARIO

Administrator
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:



 
 © AspNuke 
Contattami
Tutto il materiale è di proprietà degli aventi diritto. Vietata la riproduzione e pubblicazione senza permesso.
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,03125secondi.
Versione stampabile Versione stampabile