DISTAMPA - Agenzia Giornalistica Nazionale Quotidiana
  NOTIZIE     
 
RUBRICHE

MACHINA
di Giacomo Carioti


FATEMELO DIRE
di Maurizio Liverani


VISTI DI PUNTA
di Federico Bernardini


OPINIONE PUBBLICA
di Berto De Grossi


RIMBALZO ANOMALO
di Mino Romano


GALLERIA COLONNA
 


PETI' PETO'
 


IL PIRAMIDONE
 


IRONIA DELLE SARTE
 


CORNICE APERTA
 


KIKI
 


 
 
CASA IDEALE FRA LE ROVINE DEL TEMPO



Debutta a Roma in prima nazionale all’interno del Festival Teatri di Vetro 2017 11ma edizione DOVE TUTTO È STATO PRESO della compagnia Bartolini/Baronio. Il lavoro si nutre di molti elementi: il romanzo Correzione di Thomas Bernhard, le biografie di adulti e bambini incontrati nelle residenze e nei laboratori, le visioni della casa-giardino di Gilles Clément, i sensi amorosi di Maria Zambrano, la tragica delicatezza di Louise Bourgeois, il cosmo umano di Werner Herzog e ha un percorso produttivo al fianco di 369gradi che passa attraverso le residenze creative realizzate a Brescia (Idra) e Castiglioncello (Armunia) come progetto selezionato dal bando CURA2017, a Taranto (Teatro Crest), Ostia (Teatro del lido) e Polistena (Del bello perduto, Dracma Teatro).

Si parte dalle rovine del nostro tempo e dal progetto di una casa ideale che possa custodire la felicità di chi amiamo. Ma ogni stanza è il racconto di un mondo ladro, consumato in un cieco inverno di macerie e veleni. Abitare dove tutto è stato preso non è comodo, ma nel suo buio, immergersi nel tempo dell’edificazione della casa ideale costringe a cercarne la possibilità di curarne le rovine, ricordandone la primavera. La cura dai veleni di Correzione di Thomas Bernhard, la sua e nostra correzione del mondo, si dispiega allora nella ricerca di un paesaggio teatrale, linguistico ed esistenziale che si muove a ritroso verso i suoi primi sensi, dove ripensare il venire al mondo dall’origine, dove trovare le parole della favola da consegnare a chi sarà bambino, al bambino che eravamo. Uno scenario di elementi minuti, quotidiani, personali ci invitano nel paesaggio interiore in cui la storia di ognuno s’intreccia alla storia collettiva: nel rifugio a cui tornare per fare mondo, siamo di nuovo a casa.
--------------------------------------------------
nell’ambito di Teatri di Vetro 11ed
TEATRO BRANCACCINO
Via Merulana 244, Roma
20 e 21 ottobre 2017 *h 20:00
DOVE TUTTO È STATO PRESO
di e con
Tamara Bartolini/Miche
drammaturgia Tamara Bartolini
scene e paesaggio sonoro Michele Baronio
collaborazione al progetto / assistente alla regia / foto Margherita Masè
suono Michele Boreggi
concept video Raffaele Fiorella
collaborazioni artistiche Fiora Blasi, Alessandra Cristiani, Gianni Staropoli,
regia Tamara Bartolini/Michele Baronio
produzione Bartolini/Baronio | 369gradi
coproduzione Teatri di Vetro festival/triangolo scaleno teatro
con il supporto di Residenza IDRA (Brescia) e Armunia (Castiglioncello)
nell’ambito del progetto CURA 2017
residenze | Teatro Crest - Taranto | Del Bello Perduto Dracma Teatro Polistena (RC) |
Teatro del Lido di Ostia - Roma | Carrozzerie n.o.t - Roma
grazie agli allievi del laboratorio Biografie/Ritratti | Carrozzerie n.o.t
per i loro ritratti scritti e fotografici
progetto vincitore bando CURA 2017
photo Lucia Baldini

 
ORARIO

Administrator
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:



 
 © AspNuke 
Contattami
Tutto il materiale è di proprietà degli aventi diritto. Vietata la riproduzione e pubblicazione senza permesso.
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 3,222656E-02secondi.
Versione stampabile Versione stampabile