DISTAMPA - Agenzia Giornalistica Nazionale Quotidiana
  NOTIZIE     
 
RUBRICHE

MACHINA
di Giacomo Carioti


FATEMELO DIRE
di Maurizio Liverani


VISTI DI PUNTA
di Federico Bernardini


OPINIONE PUBBLICA
di Berto De Grossi


RIMBALZO ANOMALO
di Mino Romano


GALLERIA COLONNA
 


PETI' PETO'
 


IL PIRAMIDONE
 


IRONIA DELLE SARTE
 


CORNICE APERTA
 


KIKI
 


 
 
ANTON CECHOV: LA CLESSIDRA DEL DESTINO



Debutta al Teatro Lo Spazio di Roma (Via Locri 44) “Tre Sorelle”, uno dei testi più famosi di Anton Cechov. Dal 10 al 22 ottobre Francesca Bellucci, Luisa Belviso, Alessandro De Feo, Ludovica Di Donato, Alessio Esposito, Lorenzo Garufo, Fabrizio Milano, Gioele Rotini, Marco Usai, Irene Vannelli saranno in scena diretti da Lorenzo De Liberato.

“Tre Sorelle” è senza dubbio il più grande capolavoro di Anton Cechov, sia per gli argomenti trattati, sia per la vastità dei personaggi descritti dall'autore. Il protagonista dell'opera sembra essere il tempo, un tempo che scorre inesorabile lasciando che gli individui che lo abitano affoghino nelle loro speranze, nei loro sogni che non hanno motivo di realizzarsi. L'autore vuole dirci, con grande cinismo e freddezza (senza mai perdere il suo tono ironico e satirico), che nulla cambia, niente si evolve e che il destino dell'uomo non è altro che una clessidra ineluttabile contro la quale non possiamo fare altro che arrenderci.
Ogni personaggio si scontra contro questa fatale verità e resta disarmato di fronte all'impossibile e all'irraggiungibile. Così ci vengono presentate le tre sorelle: Olga è incastrata in una vita di responsabilità e di doveri, senza un marito da amare e sogni da inseguire; Masha si è impigrita dietro un uomo che non ama più, triste e rabbiosa vive i propri giorni in cerca di una alla quale aggrapparsi per sentirsi di nuovo donna e di nuovo viva; Irina sogna una vita emancipata, borghese, dove realizzarsi attraverso il lavoro e magari anche con un amore vero, sincero, al suo fianco, con il quale confrontarsi e spronarsi. Gli uomini che girano per le loro stanze e che parlano nel loro salotto condividono lo stesso destino, chi più e chi meno, e non riescono (nonostante lo vogliano) a trovare una via di scampo da una quotidianità intorpidita e ripetitiva.
Eppure, nonostante l'evidente aurea drammatica che aleggia nel testo, il vero motivo che rende quest'opera meravigliosa, e Cechov uno dei più geniali autori di fine ottocento, è l'umorismo e la leggerezza con cui questi temi vengono affrontati e come i personaggi vengono tratteggiati. Nessuno riesce a cadere mai nella disperazione pura, perché c'è sempre qualcosa o qualcuno che riesce a riderne e a prendere in giro un mondo fatto di tante piccolezze, tanti vizi e capricci, che rendono la vita meno cupa e seriosa. Un'opera imponente, profonda, che con una lucidità disarmante mette a nudo con ironia e leggerezza le fragilità, le paure e i veri volti sotto le maschere dietro le quali continuamente ci nascondiamo.
------------------------------------
TEATRO LO SPAZIO
Via Locri 44 - Roma
dal 10 al 22 ottobre 2017
TRE SORELLE
di Anton Čechov
Regia Lorenzo De Liberato
con Francesca Bellucci, Luisa Belviso, Alessandro De Feo, Ludovica Di Donato, Alessio Esposito, Lorenzo Garufo, Fabrizio Milano, Gioele Rotini, Marco Usai, Irene Vannelli
Aiuto Regia Cristiano Demurtas
Disegno Luci: Matteo Ziglio
Scenografia: Laura Giusti, in collaborazione con Cecilia Fallongo
Costumi: Giuseppe D'Andrea Caterina Corallo
Disegno e progetto grafico: Cecilia Fallongo

 
ORARIO

Administrator
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:



 
 © AspNuke 
Contattami
Tutto il materiale è di proprietà degli aventi diritto. Vietata la riproduzione e pubblicazione senza permesso.
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,15625secondi.
Versione stampabile Versione stampabile